Esploratori della baia

Oltre ai nostri soliti compiti e responsabilità, siamo riusciti a trovare il tempo per avere anche un po’ di divertimento in più. Per un giorno, all’inizio dell’autunno, abbiamo dovuto dimenticare tutto quello che sapevamo sulla baia di Ieranto e lasciare correre la nostra immaginazione. “Esploratori della baia” è qualcosa che i volontari fanno di solito durante i primi mesi del loro arrivo, ma come avrete già notato, durante il nostro progetto abbiamo dovuto fare le cose un po’ diversamente, per non dire altro. Per il gioco, dovevamo dividerci in gruppi di due persone e dovevamo andare in kayak per disegnare una mappa e nominare i luoghi. Mentre lo facevamo, dovevamo immaginare di essere i pionieri della baia, il che è stato molto divertente. Dopo un po’, abbiamo dovuto presentare le nostre mappe agli altri. Alcuni volontari hanno voluto creare anche delle storie per accompagnare la loro presentazione. I risultati sono stati così interessanti che siamo arrivati alla conclusione che vorremmo condividerli con voi. Grazie al gioco, abbiamo riscoperto la bellissima baia dove abbiamo trascorso la nostra estate. Ora, tuffiamoci nella creatività dei nostri volontari!

Kristiāns and Raquel: “La Baia Spledente”

La mappa di Kristiāns e Raquel

“La storia che sto per raccontarvi è accaduta quando avevo  30 anni. Stavo servendo il re di Spagna come capitano dell’equipaggio reale in molte spedizioni in tutto il mondo. Bei tempi, devo dire!

La figlia del re soffriva da molti anni di una malattia degenerativa e la sua preziosa vita, purtroppo, era vicina alla fine. Per disperazione, il re offrì il 10% delle sue ricchezze alla persona che avesse trovato una cura per la malattia mortale di sua figlia. Si assicurò che questo annuncio si diffondesse in tutta la Spagna più velocemente di un incendio. E di sicuro lo fece, anche di più – il messaggio del re raggiunse ogni regno e dinastia reale che si possa pensare. Persone da tutto il mondo venivano in Spagna, offrendo la cura alla principessa ma, sfortunatamente, niente funzionava. La sua salute peggiorava ogni giorno.

Sembrava che non ci fosse soluzione al problema e la speranza del re cominciò lentamente a svanire. Comunque, tutto cambiò in una sera fortunata. Io e il mio equipaggio siamo andati nella nostra taverna preferita vicino al porto. Stavamo bevendo delle birre, parlando della realtà della situazione attuale e annegando le nostre preoccupazioni, finché, dal nulla, un vecchio si intromise nella nostra conversazione. Ci ha raccontato una storia incredibile su questa magica baia di terra chiamata Mediterranea, dove possiamo trovare la Posidonia oceanica – un’alga che è nota per le sue capacità curative e molto probabilmente potrebbe salvare la principessa. “Ma vi avverto”, sussurrò il vecchio con voce tremolante, “la baia è sorvegliata dalla regina Octoponia!” Secondo lui, la mostruosa creatura è metà donna e metà polpo con la Posidonia oceanica splendente tra i capelli. La regina ha un esercito di sirene bellissime ma estremamente letali.

“Si dice che centinaia di marinai abbiano cercato di prendere questa magica erba marina”, continuò l’uomo, “ma nessuno di loro è tornato vivo”. “Ma perché?” chiese uno dei membri del mio equipaggio reale. L’anziano sbatté il pugno sul tavolo e rispose a voce alta: “Perché erano accecati dall’avidità!” Si scopre che i marinai che prima avevano cercato di prendere l’alga hanno preso più di quanto avrebbero dovuto. Volevano venderla e diventare ricchi. Ma la leggenda dice che se uno visita la baia con cattive intenzioni, la regina Octoponia e il suo esercito di sirene mangerano il suo cuore.

Dopo aver finito la storia, i membri del mio equipaggio ridevano come non avevano mai riso prima. Nel frattempo, sono rimasto in silenzio. “Ma se fosse vero?” Mi chiesi, “e se questo fosse l’unico modo per salvare la vita della nostra amata principessa?” Mi avvicinai al vecchio e gli chiesi come possiamo raggiungere quel posto magico. Il mio equipaggio non poteva credere che stessi cadendo nella stupida storia del vecchio, ma ero disposto a correre il rischio. Non avevamo nulla da perdere. “Navigate verso il sud del Mediterraneo”, disse il vecchio, “e quando troverete l’Occhio di Mare nascosto tra le rocce, saprete di essere lì”.

Abbiamo preso in parola l’uomo e abbiamo lasciato il regno di Spagna la mattina dopo per trovare la magica baia. Abbiamo navigato per un mese, prendendo una delle rotte marittime più pericolose, fino a raggiungere l’Occhio di Mare di cui ci aveva parlato il vecchio. Abbiamo rapidamente superato l’occhio ed eccola lì – la Baia Spledente, circondata da scogliere, nascondendo la sua notevole bellezza ad occhi avidi. Mi ricordo ancora la sensazione che ho provato quando l’ho vista per la prima volta. Era incredibile.

Non appena abbiamo raggiunto la riva, ci siamo messi subito alla ricerca della magica alga. Abbiamo esplorato ogni singolo angolo della baia e, purtroppo, non siamo riusciti a trovarla. Sentendomi incredibilmente deluso, ho dato l’ordine di rifornire la nostra nave di tesori preziosi in natura per i prossimi mesi. I miei uomini trovarono, per esempio, olive, rosmarino, miele, diverse bacche, legno di alta qualità, ferro e molte altre cose. Inoltre, ho dato ordine all’equipaggio di raccogliere le più belle specie del mare per allestire un acquario per la nostra amata principessa. Volevo solo vederla sorridere di nuovo, ammirando il fascino eccezionale delle magiche acque del Mediterraneo.

Abbiamo passato la notte sulla Terra. Il nostro obiettivo era quello di riposare un po’ e lasciare la baia come prima cosa al mattino. Nel frattempo, alcuni membri dell’equipaggio hanno aperto una botticella di vino e hanno bevuto tutta la notte. Dopo alcune ore di bevute ininterrotte, i miei uomini riuscivano a malapena a stare in piedi. All’improvviso il comandante, il mio braccio destro, ha visto qualcosa di spettacolare: il mare brillava più di un diamante. Gli uomini ubriachi non potevano credere a quello che vedevano, era la magica Posidonia oceanica. Incredibilmente eccitati e dimenticando ciò che il vecchio al bar aveva detto loro, si sono subito buttati in acqua per raccogliere più Posidonia oceanica possibile. Secondo il Comandante, che è rimasto a terra, i membri del mio equipaggio hanno preso una quantità incredibile della magica erba marina… più di quanto avrebbero dovuto. La loro felicità si è rapidamente trasformata in un incubo. Degli urli improvvisi hanno invaso la baia e i miei uomini, uno dopo l’altro, sono scomparsi sotto la superficie dell’acqua. Il Comandante vide delle creature metà umane e metà pesce che saltavano fuori dall’acqua e trascinavano alcuni dei miei uomini dentro di essa. “Li ho visti aprire il petto dei nostri uomini, prendere a mani nude pezzi dei loro cuori e mangiarli”, mi disse istericamente il Comandante, “e, nel frattempo, un’altra creatura, metà donna e metà polpo, riprendeva l’erba di mare dalle fredde mani morte dell’equipaggio”.

Ero terrorizzato. Mi sono subito precipitato verso il mare e non potevo credere ai miei occhi quando ho visto i miei uomini – tutti morti, che galleggiavano sull’acqua e che giacevano sulla sabbia… senza cuore. Abbiamo perso molti uomini onorevoli quella notte. Mentirei se dicessi che non avevo paura. Tremavo come una foglia. Ma non potevo ignorare il fatto che i miei uomini avevano trovato l’erba marina magica. La principessa stava ancora combattendo una malattia mortale e noi abbiamo giurato fedeltà sia al re di Spagna che alla sua cara figlia. Non potevamo lasciare Mediterranea a mani vuote. Cercai di inventare un piano, ma i miei uomini avevano troppa paura di entrare in acqua. E chi poteva incolparli?

La luna appariva all’orizzonte e la notte copriva la terra. Improvvisamente, il mare cominciò a brillare più dell’oro, scacciando l’ombra delle montagne. “Eccola”, urlò eccitato il Comandante, “la magica Posidonia oceanica!” Non potevo credere ai miei occhi. Volevo subito buttarmi in acqua per prenderla, ma ero anche spaventato a morte. “Per favore”, gridai dalla spiaggia, “ho solo bisogno di un pezzo della magica Posidonia. La principessa di Spagna sta morendo. Per favore, vi supplico!” Non ci fu risposta. Sentendomi incredibilmente terrorizzata, pregavo per la protezione di Dio e mi buttavo in acqua. Ho preso solo una foglia dell’erba marina magica e ho subito nuotato verso la riva. Non successe nulla. Circondati da risate gioiose, siamo tornati alla nostra nave e abbiamo lasciato la baia. Ho dato il mio ultimo sguardo alla baia e lei era lì – la regina Octoponia seduta sulla roccia con la Posidonia oceanica splendente tra i capelli. Nel momento in cui i nostri occhi si incontrarono, il mondo sembrava essersi fermato per un momento.

Dopo un mese di viaggio, siamo tornati in Spagna. Un alchimista del regno usò la foglia di posidonia per preparare una pozione che ha salvato la vita della nostra amata principessa. Alla fine, lei diventò la regina di Spagna, portando avanti l’eredità di suo padre”.

Petra and Judit: “Spasitelj”

La mappa di Petra e Judit

In un luminoso giorno di settembre del 1400 d.C., io – Pedro, e il mio caro co – esploratore Judito, eravamo andati a Capri per trascorrere le nostre vacanze. Lontano dal nostro re e dai problemi quotidiani, o almeno così pensavamo. Alla fine della giornata, arrivò il piccione con la lettera del nostro re. “Che palle, il vino di Capri è così dolce, e le sirene così divine, la nostra vacanza ora è rovinata” – disse il mio collega dopo aver letto che ci voleva far esplorare la piccola baia. “Guardate la piccola baia con la torre, vi chiedo di andarci e di conquistarla, ma state attenti al gigante che ci abita” – pretese il re.

La mattina dopo siamo partiti verso la baia.

“In un luminoso giorno di settembre del 1400 d.C., io – Pedro, e il mio caro co – esploratore Judito, eravamo andati a Capri per trascorrere le nostre vacanze. Lontano dal nostro re e dai problemi quotidiani, o almeno così pensavamo. Alla fine della giornata, arrivò il piccione con la lettera del nostro re. “Che palle, il vino di Capri è così dolce, e le sirene così divine, la nostra vacanza ora è rovinata” – disse il mio collega dopo aver letto che ci voleva far esplorare la piccola baia. “Guardate la piccola baia con la torre, vi chiedo di andarci e di conquistarla, ma state attenti al gigante che ci abita” – pretese il re.

La mattina dopo siamo partiti verso la baia.

“Chi siete?” – la voce gridò con rabbia, e le rocce dei giganti hanno cominciato  a cadere in mare vicino alla nostra nave. La sera prima, in una delle tante taverne di Capri, il pescatore ci aveva detto come soddisfare il gigante di nome Spasitelj. “Nella grotta del tesoro della baia Uvala Velika, dovreste immergervi in profondità e trovare il tesoro del gigante, da tempo perduto, che lui non può raggiungere”. Insicuri della verità delle sue parole, ci siamo tuffati nella profondità blu, e in modo sorprendente abbiamo trovato solo – una scopa! ” Questo è il tesoro? ” – abbiamo iniziato a temere la rabbia del gigante.

Una volta mostrata la scopa dal ponte della nostra nave, il gigante urlò di gioia: “Scopa!”

E il tesoro lo era. Vedete, il gigante usava questa scopa per pettinarsi le ciglia per le quali era famoso in tutta la penisola. Erano così lunghe che gli uccelli potevano riposarsi su di loro invece di usare i rami.

“Entra nella baia e prendi quello che ti serve! Tornate con il vostro re, e festeggeremo tutti insieme” – disse il gigante. Oh, come ci sentimmo sollevati! La mattina seguente, abbiamo esplorato ogni angolo della baia di Spasitelj e abbiamo raccolto specie marine per l’acquario del nostro re. La nostra missione aveva avuto così successo che il mio amico Judito era stato invitato al castello del re ungherese per servire come marinaio sul Danubio. E io, beh… sono rimasto nella penisola. Per mantenere la baia al sicuro da barche intruse. E di tanto in tanto, spazzolare le magnifiche ciglia di sua maestà”.

Margot

“Caro Regno di Campanella, ti prego di non avere paura di me. La piccola bohémien che sono viene in pace per avvertirvi di un luogo che avete abbandonato senza vederne il valore. In cambio della condivisione delle preziose informazioni che ho, ti chiederò solo un posto sicuro dove stare, un tavolo sempre coperto di dolci, e alcune migliaia dei tuoi segni di felicità più belli, più preziosi, più unici. Questo posto si chiama “l’Orso” quindi l’orso perché quando ci si avvicina, le montagne che lo circondano hanno la forma di un orso che dorme.

Comincerò  da te, mio re (Akrem) So che diventare saggio ha un prezzo. E il prezzo, per ora, sembra essere il tuo ginocchio. Nell’orso, troverai specie con prorieta medicinali. Sono sicuro che il tuo medico Gianna le conoscerà, dall’alga rossa (Asparagopsis armata) alla Caulerpa a grappoli (Caulerpa cylindracea). Imparerà ad usare le loro proprietà antifungine, antibatteriche e antivirali (forse anche per risolvere il problema del covid che persiste tra la vostra gente). Inoltre, lei ha le ravine dell’orso per riposare durante le sue vacanze.

E tu, mia regina (Arina), ho sentito recentemente che hai un profondo bisogno di riposo? Bene, sappi che questo posto è pieno di Cladophora caespitosa. Come dice il suo nome potrai fare molta siesta su queste madrepora a cuscino. Ma pensate anche al vostro popolo.

Caro chef di guerra, il più grande guerriero dei guerrieri. Questo luogo sarà una perfetta area di addestramento per i tuoi soldati, lo spirito dell’orso, acque ondulate ma anche calme nelle spiagge dell’orso. Per difendere il tuo regno, avrai bisogno di proteine ed è capitato che molti uccelli si posino su la piccola zampa. Non mi stupirei che insieme a loro ci siano delle deliziose uova.

A proposito di cibo, tu giardiniera (Petra) non sei stanca della pasta? L’Orso ha dei tesori anche per te. A partire dalla piuma di mare rosso (Asparagopsis taxiformis) cucinerai pasti tropicali come alle Hawaii. Potete anche gustare il Riccio di mare (Paracentrotus lividus) o se siete molto fortunati la succulenta arancia di mare (Tethya aurantium) ma per questa dovrete andare a fondo.

E tu, mia regina (Arina), ho sentito recentemente che hai un profondo bisogno di riposo? Bene, sappi che questo posto è pieno di Cladophora caespitosa. Come dice il suo nome potrai fare molta siesta su queste madrepora a cuscino. Ma pensate anche al vostro popolo.

Caro chef di guerra, il più grande guerriero dei guerrieri. Questo luogo sarà una perfetta area di addestramento per i tuoi soldati, lo spirito dell’orso, acque ondulate ma anche calme nelle spiagge dell’orso. Per difendere il tuo regno, avrai bisogno di proteine ed è capitato che molti uccelli si posino su la piccola zampa. Non mi stupirei che insieme a loro ci siano delle deliziose uova.

A proposito di cibo, tu giardiniera (Petra) non sei stanca della pasta? L’Orso ha dei tesori anche per te. A partire dalla piuma di mare rosso (Asparagopsis taxiformis) cucinerai pasti tropicali come alle Hawaii. Potete anche gustare il Riccio di mare (Paracentrotus lividus) o se siete molto fortunati la succulenta arancia di mare (Tethya aurantium) ma per questa dovrete andare a fondo.

Mr.pagliaccio (clown, Gonzalo), ancora non hai fatto nessuna battuta finora? Mi sembra di capire che stai aspettando di sapere cosa c’è per te? Beh, l’ispirazione ovviamente. Credo che la tua musa sarà il polpo! L’affetto e la generosità di nessuno con i suoi tre calori. Ha molte cose da insegnarvi visto che è un maestro nel fare travestimento (costumi). Ma mentre impari non ottenere una testa così grande come si può essere un Doglio (Tonna galea), Sarebbe un peccato.

Venendo ora dalla tua parte (Ousama), devi essere stanco di filmare sempre il tuo re… sulla cima delle natiche dell’orso, l’osservatorio dell’orso o sulla cresta dell’orso avrai le viste più belle. Da lì, vedrete la grande zampa vicino alla quale si trovano molte grotte. Una di queste è chiamata l’intestino perché entra ed esce dalla montagna facendo una rete. Questo luogo ombroso sarà perfetto per te cara strega. Ma fai attenzione che è anche abitato da tagliatori di Madrepore (Polycyathus muellerae). Speriamo che l’Agelas arancia possa aiutare le tue ferite.

So che il prete del regno ti considera una creazione satanica. So anche che al prete piacciono le cose luccicanti. la baia dell’orso è piena di cowrie porcellana, stella serpente e corallo stella (Astroides calycularis). Se questi non funzionano, puoi comunque difenderti lanciando qualche spugna sassosa (Petrosia ficiformis) o granchi di pietra (Eriphia verrucose).

Io non sono tanto credente quindi l’unica cosa che ti dirò signor prete (Domenico) è che se fossi in te andrei a prendere del dattero di mare (Lithophaga lithophaga), ho sentito che divorano le pietre e ho la sensazione che potrebbero servirti. Inoltre, evita la porta dell’inferno nella baia dell’orso”.

Arina e Gonzalo

La mappa di Arina e Gonzalo

Akrem and Oussama

La mappa di Akrem e Oussama
Nomi dei punti della mappa di Akrem e Oussama
Devi aggiungere un widget, una riga o un layout precostruito per poter vedere qualcosa qui. :)