Serbia

Aree protette d’acqua dolce in Serbia

La Serbia è un piccolo paese che non ha un mare, ma ha un sacco di superfici d’acqua dolce mozzafiato di una bellezza sorprendente. Dai fiumi grandi e forti a nord ai torrenti di montagna con cascate nascoste su tutte le scogliere a sud. Laghi, zone umide e molti, molti altri gioielli della natura. Lascia che ti accompagni in un viaggio attraverso il nostro bellissimo paese. Iniziamo, vi va?

Cominciamo dal più grande complesso paludoso chiamato Riserva naturale speciale (più avanti R.N.S) “Gornje Podunavljevicino al confine con la Croazia. Volto selvaggio, intatto e quasi dimenticato del grande fiume Danubio.

Tranquillo, pacifico e meravigliosamente colorato dai suoni di molte specie di uccelli e piante fiorite, il parco si trova sul maestoso fiume Danubio, vicino al cuore della capitale della provincia di Vojvodina, Novi Sad, nei pressi di “Kovilj-Petrovaradin paludi. Inoltre, se ami i castori, allora la R.N.S. “Zasavica” vicino di secondo grande fiume Sava è il posto giusto per te. Puoi trascorrere qualche giorno di relax nelle strutture del parco godendo della natura e della calda accoglienza della riserva.

Mentre navighiamo da est a ovest, ti do il ​​benvenuto nella più grande gola del fiume Danubio, la più lunga e vasta gola del fiume in Europa lunga quasi 100 km – Parco nazionale “Đerdap”.

Tracce della più antica civiltà neolitica europea – Lepenski vir e le tracce dell’impero romano conferiscono a questo parco nazionale una dose speciale di mistero.

Andando a sud-est, le montagne sono più alte e il clima diventa più freddo. Perfetto per paesaggi rari dalle caratteristiche eccezionali, come per esempio isole galleggianti del lago Vlasina. Purtroppo questa bellezza sta scomparendo come potete osservare in questo videoQuesto è solo l’inizio…

I fiumi di montagna di tutta la penisola Balcanica sono minacciati dal folle piano di costruire più di 3000 microcentrali idroelettriche dalla Slovenia alla Grecia. Il motivo? Ovviamente soldi facili e in quantitá!

I governi dei paesi coinvolti stanno dando agli investitori delle sovvenzioni per produrre “energia pulita” e anche i cittadini stanno pagando contributi agli investitori attraverso le bollette dell’elettricità (https://balkangreenenergynews.com/). Gli abitanti del posto non sono stati nemmeno informati di questo piano e stanno combattendo contro gli investitori, ma di solito i conflitti finiscono con violenza a discapito dei manifestanti.

La follia delle microcentrali idroelettriche si é diffusa in tutta la Serbia meridionale e ha coinvolto i fiumi puliti che scendono dalle montagne, intrappolandoli in tubature e lasciando la popolazione locale e gli animali selvaggi senza acqua! Oltre 850 microcentrali sono già attive e hanno catturato più di 3000 km di acqua potabile! E la più grande vittima è il parco naturale “Stara planina” al confine con la Bulgaria, una delle riserve naturali più belle e autentiche.

Cascate nascoste, ruscelli d’acqua dolce e incredibile biodiversità. Ambiente tranquillo, piccoli villaggi tagliati dal mondo esterno e dimenticati dal tempo.

Mentre stiamo raggiungendo la nostra ultima destinazione, volevo solo mostrarti S.N.R. “Uvac” che ospita il grifone, che è il simbolo del parco. C’è una ragione per cui si chiama “Colorado serbo”. Sfortunatamente, il fiume è quasi completamente scomparso a causa delle mini idro centrali …

Ultima ma non meno importate vittima delle minicentrali é il lago Zaovine, verso occidente, nel cuore del Parco Nazionale “Montagne Tara”. Il lago é quasi completamente scomparso (2019).

Ci sono altri tesori acquatici come i seguenti monumenti naturali: la sorgente di Krupaja (primo cuore della mapa)

e la sorgente del fiume Grza (secondo cuore della mapa).

Visita e goditi la nostra stupenda natura, aiutandoci a diffondere nel mondo la conoscenza su cosa sta minacciando i nostri fiumi e la vita naturale attorno a noi. Sei benvenuto! :)