M.A.R.E. 2019

Érica Moura, Portogallo

Ecco SuperÉrica: una piccola grande guerriera che viene da non troppo lontano (2000km circa) e che porta con sé l’amore per il mare e la passione del lavoro, soprattutto quello condiviso con una squadra di gente motivata! Ha abitato tutta la vita nell’Oceano Atlantico…Il piccolo Mar Mediterraneo riuscirà a farle sentire la sensazione di casa?? Finora sembra proprio di sì!! Salta dalla canoa alla subacquea in un secondo, dai lab con bimbi ai grafici scientifici senza batter ciglio. Unica ad avere avvistato una tartaruga dal gommone dell’AMP Punta Campanella in 7 anni di project MARE, pare che abbia una calamita speciale per questo tipo di animali!! Non ha bisogno di dormire e di mangiare quando si tratta di MARE, forse si nutre di acqua salata e zooplankton!! Un grande contributo di forza, passione e amore che rende questo 2019 un anno speciale!


Alaeddine Said, Tunisia

Ala è arrivato quasi un mese dopo gli altri 5 volontari, stanco dopo di un viaggio lunghissimo, con una valigia piena di cibo e dolci da offrire a tutti, lo sguardo timido e con tanta voglia di fare e lavorare. E a pensarci bene, queste sono proprio le cose che lo caratterizzano! Si è impegnato tantissimo e in poco tempo ha imparato l’italiano, gli piace lavorare ed essere sempre attivo, soprattutto quando c’è da montare, smontare, tagliare, incollare, costruire, trasportare, nuotare, saltare e principalmente arrampicare…senza dubbio è fatto per la vita all’aria aperta ed in mare! Ma anche in casa da il massimo: ai fornelli ci ha fatto sognare cucinando il 70% delle ricette tunisine prima, durante e dopo le sue serate culturali.
Aiutando sempre gli altri quando ne hanno bisogno, cercando sempre di avere una parola gentile per chi è in difficoltà, preoccupandosi per gli altri più che di se stesso, Ala ci ha anche mostrato in questi mesi la parte più bella e preziosa del suo carattere: un cuore grande e grande sensibilità, che sono energia vitale nella Famiglia M.A.R.E.!


Daniels Kļaviņš, Lettonia

Arrivato dalla Lettonia, senza sapere come salutare le persone. All’inizio sembrava un signore che non si poteva toccare, ma dopo avere rotto il ghiaccio ha mostrato un cuore tenero di quasi 2m di altezza. Conosce bene la terra ed è il nostro contadino, cura sempre le piante (quasi) vive. Quando si parla di api, i suoi occhi brillano, è il loro migliore amico ed a casa ci salva sempre quando entra qualcosa con ali che ci da paura. 
Abituato a terra piana, ha sempre dei problemi con l’altitudine, ma aveva anche molta voglia di provare il mondo sott’acqua, anche se di mare non capiva molto. Adesso, con il corso di immersione dice che “è la sensazione più vicina del mio sogno di andare alla luna” e di luna capisce bene, è il luogo preferito della sua testa. Sta molto felice,  si incanta con tutto che vede e ha sempre voglia di sapere di più. 
Lui è un ottimo comunicatore e ha imparato l’italiano velocissimo, per un Lettone! È il nostro capo dell’attività con i bimbi e sta sempre pronto per parlare con le persone. Quando non capisce qualcosa, utilizza sempre la mitica frase “Non ho capito, come si scrive?!”. Era il nostro professore di inglese, ma adesso non sa più come parlarlo, ormai solo l’italiano.


Laura García, Spagna

Lei è la nostra Spagnola. Con circa de 1,50m, è sempre piena di entusiasmo ed energia per cantare e ballare, anche quando siamo tutti stanchi lei ci da energia positiva, si vede sempre un sorriso nella sua faccia. Lei ha un buon cuore, prova sempre ad aiutare tutti gli altri e questa è la cosa più importante, perché non lascia nessuno da solo. È una persona organizzata, le piace organizzare tutto sia a casa, sia a lavoro, e ed è una persona con cui è molto bello lavorare, anche quando è difficile rompere con il suo pensamento. 
Lei ci ha dato una buona conoscenza del suo paese, anche se qualcuno di noi non ha mai visto la Spagna o non ha una grande idea della cultura spagnola, grazie a lei abbiamo potuto conoscere questa cultura iberica e tutti i giorni sentiamo un po’ come gli spagnoli parlano: il suo accento è molto divertente e non la lascia nascondere da dove viene. Con questo, adesso abbiamo molta voglia di visitare questo paese per vedere la sua bellezza e per avere una visita guidata nel oceano con i delfini, che sono la sua grande passione.


Etienne Hoarau, Isola della Reunion

È un piacere presentarvi il membro più giovane del nostro team, il nostro adorabile francese dall’Isola della Reunion – Etienne. Lui è cresciuto a contatto con un mare meraviglioso, e per questo è sempre diviso tra vivere avventure all’aria aperta o descrivere la natura con la punta di una matita. È sempre pronto all’azione….o a qualsiasi altra cosa rischiosa che sembri divertente. Perché...why not?
Fare tuffi spettacolari da rocce alte 15 m, volare tra due montagne a 120 km/h, andare in kayak tra le onde alte e gestire dozzine di ragazzini napoletani in visita al parco…tutto questo per lui è come bere un bicchiere d’acqua! Ma dietro questo coraggio si nasconde un ragazzo gentile, timido, sempre pronto a prendersi cura degli altri e ad aiutare.
Come il tipico francese, ama cucinare, il vino (abbiamo rotto il suo bicchiere preferito: l’unico calice elegante che avevamo in casa!) e l’arte. Non lascia mai la casa senza un foglio bianco e pastelli, e i suoi disegni sono carichi di energia, così come le sue mosse da ballerino! E ovviamente il nostro MARE logo 2019 è stato fatto da lui ed è subito piaciuto a tutti!
Alto, bello, avventuroso, con il suo bel sorriso e i capelli ricci, questo è il nostro Etienne!


Simona Gargiulo, Italia

Simona: Sincera, Impeccabile, Mite, Onorabile, Napulegna, Amica, ecco un acronimo che a mio parere descriva quanto io veda in Simona. Giunta al Project MARE come una stella cadente, si è dedicata ai volontari con tutta sé stessa. Una persona sulla quale fare affidamento, non sugli orari… (ma questo mi conforta!). La sua passione per la natura è palpabile, mi viene di paragonarlo ad un carrubo, che con il suo tronco fiero e sinuoso mantiene una folta chioma, che sempre regala un attimo di riposo a tutti coloro vi passino al di sotto. Lo stare insieme è sempre piacevole, ed il confronto sempre interessante.
La calma è la mitezza sono per me un esempio di come affrontare le situazioni più disparate e disperate! Una componente ormai fondamentale per il nostro progetto! Come immaginarlo senza!?! Ebbene non voglio essere troppo sdolcinata, ma è questo quello che penso di lei, anche se non trascorriamo troppo tempo insieme, la ritengo una persona molto trasparente ed è una qualità ormai rara!!! Però adesso che sei una busy woman però non ci abbandonareeeee!!
P.s.: In realtà.. a volte troppo mite… pensavo… Simooo, ti potresti adorare di tanto in tanto… Suvviaaa!!!


Alba Fagnano, Italia

Come l’alba, è lei che porta calore giorno dopo giorno con il suo bel sorriso. È sempre lì a preoccuparsi e a prendersi cura degli altri…forse sarà l’istinto naturale (visto che è mamma di due belle principesse) ma dal primo momento siamo stati accolti dalle grandi braccia di questo polpo e anche mamma del progetto. Alba ci spinge alla creatività e arricchisce la nostra immaginazione. Ogni braccio di questo polpo ci mostra come si può essere multitasking e come dare il 100% di noi in ogni situazione. Ma la cosa più importante è che lei sa come ascoltare gli altri, comprenderli e dare a loro fiducia. Così lei ripete sempre la stessa frase “Se pensi che sei stupido, sembrerai stupido” e con questo abbiamo capito che quando facciamo le cose con il cuore mostriamo sempre cose più grandi.
Per noi, lei sarà sempre la bella Sirena di Ieranto! E ogni volta che lei ci chiederà “fammi un sorriso”, noi lo faremo!


Domenico (Mimi) Sgambati, Italia

Eccolo il capo Sgambati!! Lui rimane da 7 anni come il responsabile dei “bimbi” stranieri che vengono ogni anno a collaborare in questo bello posto, la Costiera Sorrentina. Il più esperto in biologia marina, ci mostra e insegna sempre le cose più belle. Sembra che è nato con una competenza speciale di comunicare con amore quegli argomenti che gli piacciano. E come lui non sa vivere senza mare, ovvio che il suo animale preferito viene da questo ambiente, ma anche non puoi sopravvivere senza terra. Qua parliamo della tartaruga, e lui, come se fosse una, arriva con ritardo a tutti gli appuntamenti (ti vogliamo bene!!). Mimì è il papà di due belle bambine, ma ogni anno ci sono altri figli da guardare. Sempre che ci sono problemi, lui è disponibile per aiutarci, trovare una soluzione e farci sentire meglio, come un vero papà. C’è un cuore grandissimo e per questo (quase) tutti lo vogliono bene. Quando si tratta di bambini, è veramente bello guardare la interazione di loro con Mimì, tutti lo adorano, dal primo minuto che sono con lui, forse per essere una persona carinissima e che trasmette fiducia e positività.  Per lui, tutte le cose che non funzionano sono sempre colpa dello stesso volontario (scherzo).  Alla fine di questo progetto sarà impossibile dimenticare la sua gentilezza, i suoi capelli disordinati, la sua energia, il suo ritardo e il suo amore per l’ambiente marino.